L'Islanda sfrutta i tempi pandemia per migliorare le strade e parchi

L'Islanda sta sfruttando i suoi tempi di inattività pandemici per migliorare le sue strade, i suoi parchi e le sue meraviglie naturali

Il governo islandese sta investendo più di 12 milioni di dollari per migliorare le strade, preservare siti popolari e rinnovare le strutture dei parchi nazionali, riferisce il New York Times. Il governo aveva già pianificato di migliorare la sua infrastruttura turistica, ma ha deciso di raddoppiare i suoi sforzi poiché la pandemia ha tenuto lontani i visitatori.

Prima della pandemia, il paese era diventato una sorta di manifesto del turismo eccessivo.
Se nel 2010, meno di 500.000 persone hanno visitato il paese, tra il 2013 e il 2017, l'Islanda è stata il luogo in cui trascorrere le vacanze. Le sue cascate, vulcani e lagune all'aperto fumanti erano ovunque su Instagram!
Nel 2018, addirittura, l'Islanda ha registrato un record di 2,3 milioni di visitatori, circa sei volte la sua piccola popolazione nazionale.

La rapida crescita della popolarità dell'Islanda ha avuto un prezzo

Il paese è stato costretto a chiudere il canyon di Fjadrargljufur dopo che Justin Bieber ha filmato un video musicale lì, innescando un afflusso di turisti così grande che i danni ambientali sono diventati inevitabili. Nel 2019, il canyon, situato nel sud dell'Islanda a circa 43 miglia dalle spiagge di sabbia nera di Vik, ha dichiarato che sarebbe stato aperto solo per cinque settimane all'anno a causa dei danni ambientali causati dai visitatori.

L'Islanda è arrivata a considerare limiti al numero di visitatori che avrebbe consentito o istituire nuove tasse turistiche per frenare la domanda.

La pandemia sta dando all'Islanda una possibilità di recuperare e l'Islanda la sta cogliendo

I suoi ultimi investimenti nel turismo hanno due obiettivi: facilitare l'accoglienza di più visitatori e preservare la Natura, ovvero proteggere i suoi siti più popolari.
12 milioni di dollari sono stati stanziati per migliorare le strade, preservare siti più popolari e rinnovare le strutture dei parchi nazionali e l'Islanda sta lavorando per garantire che le sue attrazioni più famose "non vengano ulteriormente logorate quando riavremo i visitatori", ha detto al New York Times Skarphedinn Berg Steinarsson, il direttore generale dell'Islandic Tourist Board.

covid in islanda

Andamento contagi al 16 novembre. Fonte Wikipedia.
Le fasi dell'allentamento delle restrizioni sono cominciate a partire dal 18 novembre

Approfondisci

 


Orientamento e previsioni covid

Gli europei mantengono un robusto desiderio di viaggio, pianificando viaggi per il 2021 nonostante la seconda ondata di contagio.

Questo è secondo l'ultimo rapporto "Monitoring Sentiment for Domestic and Intra-European Travel: Wave 2" pubblicato il 19 novembre 2020 dalla European Travel Commission (ETC).

Con i casi COVID-19 in aumento, la salute e la sicurezza sono la considerazione primaria in tutti i piani di viaggio degli europei.
Il viaggio aereo continua a essere considerato la parte meno sicura di un viaggio secondo il 20% degli intervistati. L'esistenza di politiche di cancellazione flessibili è ora il principale motore del processo decisionale di viaggio tra gli europei, attestandosi intorno all'11%.
La possibilità di un vaccino o un trattamento efficace per COVID-19 segue da vicino al 10%.

I risultati delle varie interviste, quindi, rivelano che le preoccupazioni principali per coloro che intendono viaggiare a breve termine sono ancora le misure di quarantena durante un viaggio (15%). Tuttavia, la possibilità di ammalarsi nel luogo di destinazione e il numero crescente di casi di COVID-19, entrambi intorno al 13%, ora incombono maggiormente nella mente delle persone.
Anche l'incertezza sull'orario esatto di un viaggio è un problema importante, con circa il 35% degli europei che non sa quando viaggerà dopo.

Parlando in seguito alla pubblicazione del rapporto, il direttore esecutivo di ETC Eduardo Santander ha dichiarato: "Gli ultimi numeri mostrano chiaramente che il desiderio di viaggiare degli europei rimane forte nonostante la reimposizione di blocchi e restrizioni di viaggio in tutta Europa. I governi dell'UE devono fare un passo avanti e trovare un compromesso insieme alle autorità sanitarie su soluzioni pratiche su come attuare i protocolli necessari e riavviare in sicurezza le operazioni di viaggio. Gli europei meritano di vedere le loro famiglie o di fare una breve vacanza durante le prossime vacanze invernali ”.

Il rapporto ETC ha intervistato quasi 6.000 intervistati sullo sfondo della pandemia di coronavirus e dell'impatto senza precedenti che continua ad avere sul turismo globale.

Share it