Ritmi di Linee e Colori. Art Museum Reykjavik

Art Museum http://artmuseum.is/. Ritmi di Linee e Colori.  

Sin dai primi del 900, gli Astrattisti hanno ricercato forme e colori per rappresentare visioni fuori da ogni realtà. Con l'avvento del cinematografo le Avanguardie del 900, iniziarono a dare forma alle prime "Visioni di Suoni", creando "Immagini della Musica." Nella seconda metà del secolo nuove tecnologie,video e digital editing, hanno permesso agli Artisti di sperimentare e sviluppare questa forma d'arte, senza dover ricorrere al supporto di tecnici e professionisti del settore, dando così una svolta, in senso creativo, a questa forma d'Arte: "Visual Music".

La mostra si sviluppa su tre livelli: in primo luogo, il contesto storico e i suoi principali pionieri - Viking Eggeling, Thomas Wilfred, Oskar Fischinger e John e James Whitney. La seconda parte,Traiettorie,unisce il lavoro video di Sigurður Guðjónsson con la reinterpretazione, in chiave elettronica, dell'opera Decore, di Anna Thorvaldsdóttir, tratta da una composizione dell'artista Dodda Maggy, e opere dell'artista americano Jeremy Blake. La terza e ultima sezione curata da Jón Proppe, si compone di circa quaranta opere minori che illustrano il rapporto tra musica e arte astratta in

Art Museum Reykjavik.

Fondato nel 1973, il Museo d'Arte di Reykjavík è la più grande istituzione per l'arte visiva in Islanda. L'arte contemporanea, nelle sue molteplici forme, trova spazio presso le tre sedi del Museo: Hafnarhus, Kjarvalsstadir e Asmundarsafn. Kjasvllstadir a Miklatún, innaugurata nel 1973, ospita mostre di pitturi e scultori di fama Internazionale; Hafnarhus nel centro di Reykjavik ospita mostre e performance di arte contemporanea, prevalentemente dedicata alle nuove esplorazioni dell'Arte e Asmundarsafn è  dedicato alla scultura.

Vissual Art a Reykjavik.

Nel 1982 nasce a Reykjavik la SIM, un'associazione di Arti Visive. La SIM raccoglie oltre 700 Artisti e Designer.Nel 2001 viene innaugurata a Reykjavik la prima Residenza/Studio. Da allora oltre 200 tra Artisti, Designer e Studi fanno parte dell'associazione. Molte le strutture che ospitano nei loro spazi studi, laboratori, workshop e cosa più importante residenze per gli Artisti, sia Islandesi che Stranieri. La SIM International Residency è una di queste. Costituita nel 2002 in un appartamento in Hafnarstræti, la SIM International Residency, si è man mano andata ad ampliare. Nel 2006 viene innaugurata una nuova residenza/studio a Seljavegur 32, Korpúlfsstaðir, che ospita circa 40 artisti, studenti d'arte e designer, che lavorano negli studi all'interno della casa. Una grande sala per esposizioni e workshop è aperta al pubblico.
Lo scopo dell'Associazione è quello di mettere a contatto artisti e designer sia Islandesi che Stranieri dando loro la possibilità di lavorare insieme.Dal 2010 la SIM è presente con una propria Residenza a Berlino in un appartamento all'ultimo piano di un palazzo sito in Neue Bahnhofstrasse 27 a Friedrichshain.

Share it