L'Istituto islandese Arni Magnússon

Dal periodo di introduzione del cristianesimo (anno 1000) gli islandesi iniziarono ad usare l' alfabeto latino e ad introdurlo nella loro lingua.
La letteratura medievale islandese si sviluppò molto in quegli anni.
Alcuni poemi furono tradotti dal latino, soprattutto quelli che riguardavano la vita dei santi e degli umili, ma molti invece furono composti da autori islandesi e basati, in parte, su racconti tradizionali dei tempi andati. Gli Edda riguardavano i miti degli dei pagani e degli eroi germanici, mentre le saghe parlavano degli avvenimenti, in Islanda e nei paesi vicini, dal primo periodo della colonizzazione islandese al 14° secolo.

Sia per il loro valore come documenti storici che per l' abilità artistica dei testi, la letteratura medievale islandese rappresenta una delle maggiori raccolte della letteratura medievale europea. Questa letteratura, per molto tempo, è stata tramandata solo attraverso la cultura orale e solo furono per la prima volta messi per iscritto.
Nel 17° secolo molti manoscritti islandesi furono sottrati all' isola e portati in altri paesi, soprattutto in Danimarca.

Lo studioso islandese Arni Magnússon, che viveva a Copenhagen, raccolse un gran numero di manoscritti che, nel 1730, prima della sua morte, donò all' università di Copenhagen. 

Lo studioso islandese Arni Magnússon, che viveva a Copenhagen, raccolse un gran numero di manoscritti che, nel 1730, prima della sua morte, donò all' università di Copenhagen. 

L'Islanda divenne uno stato sovrano nel 1918 e una repubblica indipendente nel 1944. Dopo gli avvenimenti storico politici che portarono all' unificazione nacque l'esigenza di riportare in patria tutta questa enorme documentazione custodita nella biblioteca reale di Copenhagen. Il trasferimento di questi manoscritti si concluse dopo un aspra diatriba tra i governi d' Islanda, che ne chiedeva la restituzione, ed il governo Danese. Il 21 aprile 1971, finalmente, una gran parte di questa collezione giunse a Reykjavík ed il porto della capitale venne preso d' assalto dalla popolazione entusiasta del ritorno a casa della propria storia " scritta ".
Allora i testi vennero conservati presso dei locali dedicati all' illustre storico islandese all' untiversità di Reykjavik.
Nel giugno 2006 il Parlamento islandese ha approvato una legge relativa al Istituto per gli studi islandesi Arni Magnússon.

Secondo tale normativa il Language Institute islandese, l' Università d' Islanda, Istituto di Lessicografia, l' Arni Magnússon Institute, il Nordal Istituto Sigurður e il toponimo Istituto d' Islanda, venissero fusi in un unico ente a partire dal 1 settembre 2006 accorpando così i compiti e le mansioni precedentemente svolte da ciascuno dei singoli istituti.

 

Oggi, alcuni manoscritti della collezione dell'Istituto sono esposti in due mostre a Reykjavik, per un totale di nove manoscritti e un frammento manoscritto scritto dalla fine del 13 ° secolo fino alla fine del 17 ° secolo.
Maggiori dettagli: http://www.arnastofnun.is/page/manuscripts_in_exhibitions

Su prenotazione di gruppi l' istituto apre anche d'inverno.
Per entrare si paga un biglietto d'ingresso.
Sito ufficiale: www.arnastofnun.is

Share it